La community sulla sindrome dell'ovaio policistico
Seleziona una pagina

Cos’è il resveratrolo

Di resveratrolo si sente parlare spesso in associazione al vino rosso che ne è piuttosto ricco.

Ma di cosa si tratta? Il resveratrolo è un polifenolo che viene naturalmente prodotto da varie piante a scopo protettivo nei confronti di agenti patogeni come batteri o funghi.

Alcuni dei benefici del resveratrolo sono stati scientificamente confermati, altri hanno invece hanno ancora bisogno di ulteriori verifiche; tuttavia, tra quelli più noti ci sono: [1]

  • antiossidante
  • antibatterico
  • antimicotico
  • antitumorale
  • antinfiammatorio
  • svolge un’attività di protezione per i vasi sanguigni e di fluidificazione del sangue.

Resveratrolo e malattie cardio-metaboliche

Il resveratrolo è quindi un nutraceutico che può avere un effetto positivo sulla salute poiché è in grado di modulare numerosi processi fisiologici dell’organismo.
Negli ultimi anni si sono così concentrati numerosi studi clinici sulla possibile relazione con le malattie cardo-metaboliche.

Pressione sanguigna
Uno studio del 2015 ha dimostrato che, grazie alle sue proprietà antiossidanti, il resveratrolo può portare a una riduzione della pressione sanguigna contribuendo a produrre più ossido nitrico, che rilassa i vasi sanguigni. [2[

Livelli di colesterolo nel sangue
Uno studio del 2016, condotto sui topo, ha dimostrato che il resveratrolo può influenzare positivamente i livelli dei grassi nel sangue. Dopo due mesi di dieta ricca di grassi polinsaturi e proteine e la somministrazione di resveratrolo si è registrato, infatti, un abbassamento del peso corporeo, dei livelli di colesterolo e allo stesso tempo un aumento dei livelli di colesterolo “buono”. [3]

Diabete
Altre ricerche scientifiche si sono, invece, soffermate sui possibili effetti tra resveratrolo e diabete. I risultati sono controversi e necessitano di ulteriori approfondimenti, ma vediamo cosa dicono nello specifico.

Secondo due studi del 2008 e del 2015, il resveratrolo protegge dallo stress ossidativo, aiuta a ridurre l’infiammazione, attiva l’AMPK (proteina che aiuta il corpo a metabolizzare il glucosio) e migliora la sensibilità all’insulina nei pazieti con diabete di tipo 2. [4,5]

Uno studio più recente, pubblicato nel 2020 sull’American journal of nutrition, è stato condotto su 41 pazienti che per sei mesi hanno ricevuto una supplementazione di resveratrolo di 150 mg al giorno o placebo. In questa occasione, i risultati hanno dimostrato come il resveratrolo aiuti a migliorare i valori di emoglobina glicata ma non la sensibilità all’insulina o la glicemia a digiuno che è rimasta la stessa tra il gruppo trattato e il gruppo placebo. [6]

Resveratrolo e benefici sulla pelle

Tra i benefici più noti del resveratrolo troviamo quello di proteggere la pelle danni causati dai raggi UV. Inoltre, stimola la sintesi del collagene con effetti positivi sul mantenimento di un aspetto giovane e disteso. [7]

Grazie a queste proprietà, può essere un ottimo alleato anche per uniformare la pelle, contrastare le macchie cutanee e ridurre il rossore causato sia dall’acne che dall’esposizione ai raggi solari. [8]

Tuttavia, le ricerche effettuate fino ad ora, hanno mostrato che per quanto riguarda la pelle, il resveratrolo assunto per via orale non è sufficiente, mentre risulta molto più efficace l’applicazione a livello locale. [9]

Resveratrolo e PCOS

In realtà sono pochi gli studi che hanno indagato i possibili effetti del resveratrolo sulle donne con PCOS.

Il più importante è stato condotto nel 2016 da alcuni ricercatori polacchi dell’Università di Poznan e pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism.

Sono state reclutate 30 donne con PCOS a cui è stato somministrato un integratore a base di resveratrolo o una pillola placebo per tre mesi. Tra le donne trattate con resveratrolo si è registrata una diminuzione del 23,1% dei livelli totali di testosterone e del 22,2% dei livelli di DHEAS (un ormone maschile presente sia negli uomini che nelle donne). Allo stesso tempo si è evidenziata una diminuzione del livello di insulina a digiuno del 31,8% e un aumento dell’indice di sensibilità all’insulina del 66,3%. Al contrario, il gruppo placebo ha visto un aumento del 2,9% dei livelli di testosterone e del 10,5% di DHEAS. [10]

Un altro studio di ottobre 2021 si è concentrato ancora una volta sugli effetti del resveratrolo sulla sindrome dell’ovaio policistico. I risultati hanno evidenziato come le donne trattate con resveratrolo avessero nel 74,47% dei casi cicli mestruali più regolari rispetto a quelle trattate con placebo (51,61%) e una minore perdita di capelli (32,10% contro 68,00%). Tuttavia, questa volta, non sono state riscontrate differenze significative tra i due gruppi per quanto riguardano i livelli di androgeni, insulina e profilo lipidico. [11]

Le fonti di resveratrolo

La fonte alimentare più abbondante di resveratrolo è sicuramente l’uva rossa, ma discrete quantità si trovano anche nei mirtilli, nelle arachidi, nei frutti di bosco e nella polygonum cuspidatum, pianta originaria dell’Asia Orientale. [12]

Per quanto riguarda il vino, il resveratrolo è contenuto solo in quello rosso. Il motivo è che questo polifenolo è presente nella buccia dell’uva e nella produzione del vino bianco la fermentazione avviene senza il contatto del mosto con le bucce, al contrario di quello rosso.

Oltre al colore, il contenuto di resveratrolo del vino dipende moltissimo anche dalle tecniche di coltura e lavorazione dell’uva. Sarà quindi molto più abbondante nelle lunghe fermentazioni e nell’uva non trattata con fungicidi e pesticidi. [13]

Ma se tutti i risultati degli studi non possono essere replicati attraverso il consumo di vino, poichè ne andrebbe bevuta una quantità davvero elevate e proibitiva come 200 litri al giorno [14], bisogna dire che una dieta varia ed equilibrate che prevede un consumo costante di alimenti ricchi di resveratrolo può determinare un apporto costante, anche se non molto elevato, di questo polifenolo.

Fonti

[1] Humanitas: Resveratrolo
[2] Yanxia Liu et al., Effect of resveratrol on blood pressure: a meta-analysis of randomized controlled trials
[3] Keila Lopes Mendes et al., Distinct metabolic effects of resveratrol on lipogenesis markers in mice adipose tissue treated with high-polyunsaturated fat and high-protein diets
[4] Chih Chun Chang et al., Resveratrol treatment as an adjunct to pharmacological management in type 2 diabetes mellitus–systematic review and meta-analysis
[5] Pal Brasnyó et al., Resveratrol improves insulin sensitivity, reduces oxidative stress and activates the Akt pathway in type 2 diabetic patients
[6] Marlies de Ligt et al., No effect of resveratrol supplementation after 6 months on insulin sensitivity in overweight adults: a randomized trial
[7] Si Wen et al., Role of Resveratrol in Regulating Cutaneous Functions
[8] Emma J M Taylor et al., Resveratrol Demonstrates Antimicrobial Effects Against Propionibacterium acnes In Vitro
[9] Chi-Feng Hung et al., Delivery of resveratrol, a red wine polyphenol, from solutions and hydrogels via the skin
[10] B. Banaszewska et al., Effects of Resveratrol on Polycystic Ovary Syndrome: A Double-blind, Randomized, Placebo-controlled Trial
[11] A. Mansour et al., Effect of resveratrol on menstrual cyclicity, hyperandrogenism and metabolic profile in women with PCOS
[12] Jennifer Burns et al., Plant Foods and Herbal Sources of Resveratrol
[13] myPersonalTrainer: Il resveratrolo
[14] Fondazione Umberto Veronesi: Vino e salute, un binomio impossibile

Unisciti alla community