La community sulla sindrome dell'ovaio policistico
Seleziona una pagina

Parte tutto dagli ormoni

Probabilmente lo sapete già, ma vogliamo ricordarvi che uno dei criteri più importanti nella diagnosi della PCOS sono proprio i livelli di testosterone, che nelle donne che soffrono di questa sindrome sono più elevati del normale.
Ma cosa hanno a che fare gli androgeni con i capelli? Un ormone chiamato Diidrotestosterone viene prodotto in quantità eccessive a causa degli elevati livelli di testosterone, finendo per attaccare i follicoli dei capelli, che diventano sempre più sottili, e infine provocandone la caduta.
Ebbene, è proprio il livello più alto di questo ormone “maschile” che provoca un assottigliamento dei follicoli dei capelli portandoli a diradarsi.
Capita la causa del problema, la buona notizia è che tenendo sotto controllo i livelli di testosterone è possibile affrontare la caduta dei capelli, nota anche come calvizie androgenetica femminile o alopecia androgenetica.

Come affrontare la perdita di capelli nella sindrome dell’ovaio policistico

1) Seguire la giusta dieta per ridurre l’infiammazione
Diversi studi hanno paragonato la PCOS a un processo infiammatorio (Is PCOS an inflammatory process? Antoni J. Duleba, M.D. and Anuja Dokras, MD., PhD responsabile dell’aumento di androgeni e dell’insulino-resistenza).
Alcuni alimenti possono peggiorare il processo infiammatorio, come i carboidrati raffinati, i prodotti caseari e quelli processati.
2) Trattare l’insulino-resistenza (se presente)
La causa più comune dell’aumentato livello di androgeni nelle donne con PCOS è proprio l’insulino-resistenza che, laddove presente, deve essere tenuta sotto controllo
3) Tenere sotto controllo lo stress e svolgere attività fisica

Lo stress può peggiorare la perdita di capelli nelle donne con PCOS, mentre l’esercizio fisico aiuta a migliorare tutti i marker metabolici della PCOS, inclusi i livelli di androgeni.

Unisciti alla community