La community sulla sindrome dell'ovaio policistico
Seleziona una pagina

Cos’è l’acne e perché è legato alla PCOS

Da che cosa dipende l’acne in presenza di PCOS?
La causa principale è lo squilibrio ormonale, dove i livelli di testosterone (ormoni maschili) risultano più elevati e si verifica una sovrastimolazione delle ghiadole sebacee.

La PCOS, infatti, provoca da un lato un calo di estrogeni e progesterone, e dall’altro un aumento di testosterone. E proprio in presenza di alti livelli di testosterone, le ghiandole sebacee producono più sebo, formando comedoni, papule, pustole, microcisti o noduli proprio nelle aree del nostro corpo più esposte e più influenzate dagli sbalzi ormonali, come il viso, il mento e il collo.

Se vuoi approfondire questo argomento leggi anche L’acne nella sindrome dell’ovaio policistico: quali sono le cure alternative?

Il sole “fa male” all’acne?

In estate, la pelle deve fare i conti con lo stress causato dall’azione dei raggi UVA e UVB, che causano un aumento di spessore della cute con l’occlusione dei pori che peggiora sensibilmente lo stato dell’acne in concomitanza della maggiore produzione di sebo.Ecco perché nella maggior parte dei casi, alla fine dell’estate si verifica un peggioramento dell’acne. [2]

Quali trattamenti è meglio evitare durante l’estate

Altro fattore da non sottovalutare è che la maggior parte delle terapie farmacologiche per la cura dell’acne sono a base di farmaci fotosensibilizzanti che, a contatto con il sole, possono causare la comparsa di eruzioni cutanee e macchie sulla pelle. [3]

Tra i trattamenti più utilizzati troviamo, infatti, l’acido salicilico e l’acido glicolico.
Il primo favorisce il distacco delle cellule morte accumulate sulla superficie della pelle, evitando l’ostruzione dei pori e limitando la possibilità di un’eventuale infezione batterica.
Durante l’intero trattamento, si raccomanda però di evitare l’esposizione al sole poiché questa sostanza rende la cute estremamente suscettibile alle radiazioni UV. [4]

Stesso discorso per l’acido glicolico, molto efficace per rigenerare le cellule e mitigare gli inestetismi. Essendo fotosensibilizzante, però, renderà la pelle sensibile alla luce del sole e quindi è sconsigliata l’esposizione al sole dopo il trattamento. [5]

Come gestire l’acne in estate

Tra i rimedi più efficaci ci sono trattamenti e cure quotidiane, oltre che la consulenza di un dermatologo per trovare il trattamento migliore.

Ma vediamo nel dettaglio alcune buone regole di prevenzione da seguire per tenere sotto controllo l’acne e non peggiorarne lo stato.

Non sospendere la cura
Se stai seguendo una cura prescritta dal tuo medico non sospenderla nell’illusione che il sole possa ridurne i sintomi, piuttosto è consigliabile consultare il dermatologo per la scelta di farmaci non fotosensibili.

Evitare l’esposizione prolungata al sole
Un’eccessiva esposizione ai raggi solati può causare, infatti, problemi di pigmentazione e le persone con acne o cicatrici dell’acne sono particolarmente predisposte alle macchie sulla pelle.

Utilizzare sempre la crema solare
È importantissimo proteggere la pelle con l’uso di una crema solare del giusto fattore di protezione in base al proprio fototipo per evitare scottature che peggiorerebbero la situazione. Le donne con la pelle molto chiara avranno bisogno di un filtro solare più alto rispetto a quelle con la carnagione olivastra.

Seguire una dieta sana ed equilibrata
L’alimentazione è fondamentale per la PCOS o lo è anche per contrastare l’acne. Il consiglio, soprattutto in estate, è di mangiare alimenti con un basso indice glicemico, limitando quindi il consumo di dolci e bevande zuccherate.

Mantenere un’igiene accurata
L’igiene delle parti del corpo colpite dall’acne è fondamentale. Bastano pochi accorgimenti: lavarsi sempre con le mani pulite e utilizzare detergenti neutri.

Non schiacciare i brufoli
Questo è davvero un punto fondamentale per non scatenare un’infezione batterica e soprattutto per evitare il formarsi di cicatrici o macchie sulla pelle.

Bere molto
È risaputo che bere faccia bene alla salute ed è così anche in questo caso. Idratarsi costantemente, bevendo almeno 2 litri di acqua al giorno, aiuta il corpo ad eliminare le tossine.

Fonti

[1] Kelekci KH et al. Ovarian morphology and prevalence of polycystic ovary syndrome in reproductive aged women with or without mild acne
[2] Isha Narang et al. Seasonal aggravation of acne in summers and the effect of temperature and humidity in a study in a tropical setting
[3] A. Kornhauser et al. Effects of cosmetic formulations containing hydroxyacids on sun-exposed skin: current applications and future developments
[4] K. Kantikosum et al. The efficacy of glycolic acid, salicylic acid, gluconolactone, and licochalcone A combined with 0.1% adapalene vs adapalene monotherapy in mild-to-moderate acne vulgaris: a double-blinded within-person comparative study
[5] Sheau-Chung Tang, Jen-Hung Yang. Dual Effects of Alpha-Hydroxy Acids on the Skin

Unisciti alla community